Blog

HomeNotizieStartup pugliese col “vento” in poppa

Startup pugliese col “vento” in poppa

Si chiama Gianluigi Perrotto. E’ pugliese. E la sua idea piace agli americani. E’, infatti, proprietario di una startup sulla quale alcuni finanziatori d’oltreoceano stanno investendo 5 milioni e mezzo di euro.
L’idea è quella di una mini turbina eolica, ideata dal ragazzo e realizzata grazie a una serie di fortunate coincidenze e a una buona dose di caparbietà.
Tutto comincia su un volo da Brindisi a Roma, durante il quale Gianluigi si trova accanto un imprenditore bresciano di impianti fotovoltaici. Prendendo spunto dell’installazione di pannelli che l’imprenditore stava seguendo in quei giorni a Casarano, gli espose la sua idea di una mini turbina eolica. Di lì a poco nascono i primi prototipi in un capannone a Brescia.
Nel maggio del 2012, Parrotto presenta domanda di brevetto: la sua mini turbina ha una distanza fra albero e vele che le permette di partire anche con pochissimo vento, “arriva ad un picco di potenza di 6 kilowatt con appena 130 rotazioni al minuto”. Nel marzo 2013 nasce la GP Renewable, le iniziali del fondatore nel nome. A Dicembre il primo impianto viene installato in Puglia al prezzo di 13mila euro.
A questo punto sorge il problema di sviluppare l’azienda. Servono soldi.  Ci pensa di nuovo il caso, anche questa volta in aereo, da Brindisi a Milano. Il ragazzo incontra il direttore generale di una grande banca che s’innamora del progetto e il giovane startuppper ottiene un affidamento bancario sufficiente a partire.
A fine gennaio 2014, grazie al finanziamento di cinque milioni e mezzo di un misteriosi finanziatori americani avviene la presentazione ufficiale di una nuova società, la Air Group Italy,  della quale il giovane, nato nel 1994, è presidente.
Parrotto non dimentica le sue radici e desidera che la sua azienda dia qualcosa alla sua terra. E sogna che le sue turbine possano essere alla portata di tutti. “Prenderemo capannoni industriali abbandonati a Casarano: le turbine le produrremo lì. Ma non solo: vogliamo creare un polo di startup innovative in Salento. Spazi e consulenza li metteremo a disposizione gratis. La turbina diventerà come una lavatrice, un elettrodomestico alla portata di tutti”.

[Immagine presa da Facebook]

Scritto da

Giornalista ed esperto in comunicazione, è affascinato dal variegato universo delle start-up del web, che è al centro, non di rado, dei suoi sforzi e delle sue velleità creative.