Blog

HomeNotizieInfarto, ecco un’app che può salvare la vita

Infarto, ecco un’app che può salvare la vita

Trovare in tempi rapidi un soccorritore professionale può essere decisivo in caso di attacco di cuore. Ora c’è un app, di nome Iosoccorro, sviluppata allo scopo. Siamo nella fase di sperimentazione, ma la nuova applicazione, una volta scaricata sul cellulare, promette di dare l’opportunità di allertare una persona in grado di eseguire le prime manovre salva-vita, come la rianimazione cardio-polmonare, in attesa dei soccorsi. E ciò può fare la differenza tra la vita e la morte di una vittima di arresto cardiaco.
L’idea imprenditoriale “ioSocCORRO – l’App che salva la vita” nasce dall’esperienza maturata da Stefano Mazzei nell’ambito del primo soccorso e salvataggio, con l’obiettivo principale di contribuire alla diffusione della cultura del primo soccorso nella comunità, coinvolgendo le Organizzazioni che operano in ambienti universitari, medico-sanitari, del volontariato di protezione civile, del soccorso professionale, dello sport e della cultura.
Ogni giorno, circa 200 persone perdono la vita a causa di un infarto in Italia. 80 volte su cento l’attacco avviene in ambiente extraospedaliero: a casa, in ufficio, a scuola, per strada e quasi sempre in presenza di testimoni. La possibilità di salvarsi si riduce del 10/12% per ogni minuto che trascorre prima della defibrillazione.  A 10 minuti dall’arresto cardio-circolatorio la sopravvivenza è in pratica par a zero. I soccorsi del 118 in pochissimi casi sono in grado di essere sul posto prima di 8-10 minuti, per cui la sopravvivenza rimane molto bassa (circa 1-5%). La RCP precoce aumenta la percentuale di sopravvivenza di 3 volte e insieme alla defibrillazione sono gli unici interventi che si sono dimostrati efficaci in caso di arresto cardiaco. Si stima che più del 75% degli adulti potrebbe sopravvivere se assistito nei primi momenti con un defibrillatore. L’app Iosoccorro, sviluppata da Salvamento Accademy, è in fase di sperimentazione in questo periodo nei 118 della Liguria.

Scritto da

Giornalista ed esperto in comunicazione, è affascinato dal variegato universo delle start-up del web, che è al centro, non di rado, dei suoi sforzi e delle sue velleità creative.