Blog

HomeNotizieBabyGuest, viaggiare con bimbi al seguito non è più un “trasloco”

BabyGuest, viaggiare con bimbi al seguito non è più un “trasloco”

E’ più facile viaggiare con i propri figli grazie a BabyGuest, la prima piattaforma per il noleggio e l’acquisto di attrezzature per l’infanzia che semplifica la vita dei genitori in viaggio e aiuta gli alberghi a diventare “amici dei bambini”.
Passeggino, culla, seggiolino, scaldabiberon sono solo parte del corredo di oggetti e strumenti vari che quando si parte con i piccoli al seguito sono (o sembrano – ndr) indispensabili, che sia per un week-end o per il giro del mondo. Insomma, ogni partenza equivale ad un mini trasloco. BabyGuest nasce proprio per evitare di portarsi con sé in viaggio la casa intera. Su questa piattaforma professionale è infatti possibile noleggiare tutte le attrezzature per l’infanzia e acquistare i prodotti di prima necessità avendo la certezza di ricevere tutto a destinazione nel giorno e l’ora stabiliti.
BabyGuest non dialoga solo con i consumatori finali. Ha anche un canale di noleggio/vendita dedicato agli operatori qualificati del segmento turismo. Primi fra tutti: gli albergatori. L’obiettivo è permettere agli hotel di attrezzarsi al meglio per accogliere le famiglie, fornendo loro tutto ciò che serve per soddisfare le esigenze dei piccoli ospiti. Con questo strumento tutti gli alberghi hanno la possibilità di diventare realmente “kid friendly”.
Una’idea così non poteva che essere frutto di intuito femminile. L’idea imprenditoriale è di Serena Errico, mamma e viaggiatrice non stop per impegni professionali, di famiglia o semplice svago. Il servizio è la risposta ideale a chi vuole concentrarsi sulla sola esperienza di viaggio. Con la tranquillità che il comfort dei piccoli sarà assicurato al 100%. I prodotti presenti a catalogo rispettano tutti gli standard di sicurezza internazionali e sono accuratamente puliti, igienizzati e imballati dopo ogni utilizzo. Sono inoltre regolarmente revisionati e rinnovati. Altro plus: grazie a una logistica centralizzata, BabyGuest consegna in tutti i paesi dell’Unione europea.
Semplicità d’uso. Ai genitori che viaggiano con i propri piccoli bastano pochi click per accedere alla piattaforma, selezionare i prodotti necessari e creare la propria BabyBag. I pagamenti avvengono tramite carta di credito o circuito PayPal. Per le strutture alberghiere le modalità d’accesso al servizio sono due: una “short term” e una “long term”. Nel primo caso BabyGuest, in versione white label, viene integrata nel sito della struttura, affinché sia il cliente stesso a noleggiare ciò che gli serve. Nel secondo caso è l’albergo a noleggiare le attrezzature per un periodo predeterminato decidendo poi se darle in dotazione gratuitamente o riaffittarle con relativo mark-up. Il vantaggio dell’opzione noleggio per gli alberghi è di non avere immobilizzazioni di capitale per merce soggetta a obsolescenza.
Da sottolineare che il programma qualità prevede che le attrezzature noleggiate abbiano un ciclo di vita non superiore ai sei mesi. Sia per quelle a disposizione dei consumatori finali sia per quelle in uso negli alberghi. Questo limite serve a fare in modo che il servizio offerto rimanga sempre ai massimi livelli. Questa scelta ha anche un risvolto sociale, dato che le attrezzature dismesse sono donate a chi ne ha bisogno, in particolare alla Casa dei Bambini, inaugurata a Milano nel 2011 e totalmente dedicata ai piccoli e alle loro famiglie.

[Nella foto sopra il titolo, Serena Errico, founder di BabyGuest]

Scritto da

Giornalista ed esperto in comunicazione, è affascinato dal variegato universo delle start-up del web, che è al centro, non di rado, dei suoi sforzi e delle sue velleità creative.