AuthorFabio Carlini

HomeArticles Posted by Fabio Carlini (Pagina 13)
[addtoany]

Nuova piattaforma per lo shopping condiviso presentata a Pisa

Nasce a Pisa una grande piattaforma italiana di commercio condiviso. Si chiama FreeHANDlee (www.freehandlee.com). La presentazione è avvenuta lo scorzo 7 marzo durante un affollato evento, tenutosi all’hotel Galilei, a cui si sono iscritte più di trecento persone provenienti da tutta Italia, ma anche dall’estero.
Proprio i presenti sono stati i primi a dar vita alla community di social shopping, un modo nuovo di interpretare il ruolo di acquirente attraverso il quale ciascuno può unire, grazie alle nuove tecnologie, ogni proprio singolo atto di acquisto a quello degli altri, dando vita a flussi di domanda aggregata in grado di aumentare la forza contrattuale dei consumtori nei confronti di produttori e distributori.
Il primo passo è dunque costruire una comunità social, la più numerosa possibile e ad accesso totalmente gratuito, che riesca ad acquistare beni e servizi di uso comune a condizioni migliori rispetto a quelle di mercato. La piattaforma tecnologica di condivisione è appunto lo strumento che consente la “disintermediazione” del processo e l’abbattimento dei costi di distribuzione e di filiera. “Non solo: coinvolgerà positivamente anche i protagonisti dell’offerta che, con gli strumenti del web 2.0, del cloud e del mobile computing, potranno rispondere in tempo reale alle richieste e alle esigenze dell’utenza, assicurando migliori condizioni e mantenendo comunque i propri margini grazie alla più efficiente distribuzione.” Spiega Pasquale Solinas, fondatore e presidente di freeHANDlee.
La piattaforma si appoggia in via esclusiva a Waytogoon, il portale di shopping online che, primo al mondo, condividerà e ridistribuirà istituzionalmente una parte importante dei propri margini tra tutti gli associati, attuando una scelta strategica che scardina ogni regola consolidata del commercio e che contribuisce in modo determinante alla creazione e al consolidamento della community di acquisto.

Continua a leggere
[addtoany]

Città più innovative: c’è anche Pisa nella top ten italiana

Pisa entra nelle prime dieci città a più alta concentrazione di startup. E quello dell’Internet Festival è tra gli account Twitter più influenti in tema d’innovazione. Lo ha stabilito una ricerca eseguita da IBM Italia e Talent Garden, un grande network internazionale di coworking a vocazione digitale.
Lo studio si è svolto su Twitter, dunque. I tweet analizzati sono stati 329 mila, provenienti da oltre 140 mila utenti. Attraverso le conversazioni sul social network è stato esplorato l’ecosistema delle startup in Italia nel 2014. Gli argomenti più gettonati sono stati tre in particolare: open data ed istituzioni, sharing economy e nuove tecnologie. Mentre gli hashtag più utilizzati spaziano da quelli relativi al mondo finanziario, crowdfunding e bitcoin, a quelli prettamente tecnologici, vedi big data e cloud, maker, droni ed Arduino.
Milano, da cui provengono il 35% dei tweet totali, si prende il primo posto, seguita da Roma con il 26% delle discussioni totali. Nella top 10 c’è Pisa, che raccoglie l’1% di tutte le conversazioni sul tema e può vantare l’account dell’Internet Festival (evento annuale che attira in città sempre più startupper ed innovatori del web) tra quelli più seguiti e influenti.
In questo promettente scenario cresce e si afferma sempre più sotto la torre DaoCampus, la community di esperti del web che offre spazi e postazioni in coworking, oltre che servizi di consulenza, a startupper e professionisti desiderosi di concretizzare i propri progetti lavorando in un ambiente gradevole e pieno di stimoli. In questo periodo, e fino al 30 aprile, è anche in corso una promozione dedicata agli studenti. Un giorno in DaoCampus a soli 4 euro. Approfittatene!

Continua a leggere
[addtoany]

Una partnership per attrarre investimenti Usa nelle startup italiane

L’incubatore di startup innovative Digital Magics ha stretto un importante accordo con l’Associazione di venture capitalist di Los Angeles (LAVA) e con l’Italian Trade Agency (ICE). In occasione del Global LAVA Italia Restarts Up di febbraio 2015 a Los Angeles, infatti, è stata siglata una partnership per favorire l’arrivo di finanziamenti alle startup innovative italiane, provenienti da grandi investitori istituzionali statunitensi.
Il Global LAVA (evento organizzato da LAVA, ITA con il Ministero dello Sviluppo Economico italiano e dedicato a imprenditori, manager, startup, business angel con focus sui mercati internazionali) ha coinvolto oltre 60 fondi di venture capital e importanti relatori, fra cui TyltLab, Canyon Creek Capital, Global Capital Strategic Group e Digital Magics. Dal successo e dall’interesse suscitato dalla manifestazione è nato l’accordo a tre, che prevede l’organizzazione di una serie di incontri, a Los Angeles e in altre città degli Stati Uniti, per promuovere l’eccellenza dell’innovazione italiana nel mercato americano.
Gabriele Gresta, Co-Fondatore e Board Member di Digital Magics, ha dichiarato: “Siamo molto orgogliosi di aver stretto questa partnership strategica con LAVA e con l’ICE. Il nostro obiettivo è supportare le startup italiane negli Stati Uniti e promuovere il Made in Italy digitale nel mondo. Questa è la prima di una lunga serie di iniziative volte a espandere ulteriormente la rete di investitori di Digital Magics al mercato statunitense, dopo gli importanti rapporti costruiti con imprese e venture capitalist europei”.

Continua a leggere
[addtoany]

Un programma full-immersion per aspiranti imprenditori nella Silicon Valley

Per chi fosse interessato a immergersi nella cultura imprenditoriale della Silicon Valley, c’è un programma molto interessante da seguire sul posto. 20 giorni di full-immersion per carpire i segreti del luogo simbolo della new ecnomy, con la possibilità di migliorare le proprie capacità imprenditoriali e aumentare le proprie conoscenze, entrando a far parte di una grande community internazionale. La prossima edizione, quella di primavera, avrà luogo dal 10 al 29 maggio.
Silicon Valley TVLP è un programma concepito per fornire gli strumenti migliori e più avanzati agli aspiranti imprenditori: dalla giusta mentalità alle conoscenze più evolute, utili alla creazione di un’impresa tecnologica. Preziose sono pure le opportunità di networking con investitori e imprenditori affermati e le visite a incubatori, start-up e grandi aziende della zona più “tech” del globo.
Il programma è rivolto a chiunque sia interessato a “rubare” qualcuno dei segreti che hanno prodotto il successo del modello Silicon Valley: scienziati, imprenditori, studenti o manager non importa. C’è la certezza di imparare da un team d’insegnanti di altissimo livello, composto da docenti esperti, imprenditori celebri e opinion leader che lavorano o collaborano con le migliori università della California (Stanford, Berkeley e Santa Clara). Grande attenzione viene riservata anche ai progetti dei partecipanti, con programmi personalizzati di accelerazione d’impresa che prevedono formazione superiore, mentoring, rete di opportunità e indicazioni per aumentare le visite del sito, per andare sul pratico. Tutto ciò nell’atmosfera stimolante della regione che ha visto nascere i grandi colossi mondiali dell’informatica e del web.
TVLP è limitato a 20 partecipanti. La scadenza per iscriversi all’edizione di maggio è fissata al 28 marzo 2015. Sono disponibili anche delle borse di studio. Tutti i particolari sono reperibili sul sito: www.tvlp.co.

Continua a leggere
[addtoany]

Internet of Things: l’italiana Alleantia tra le più innovative del pianeta

Alleantia, azienda tricolore specializzata nella Industrial Internet of Things, è tra le 113 aziende high tech più innovative del globo. Lo ha stabilito ABI Research Ltd nell’ultimo report.
ABI Research Ltd è una società di market intelligence attiva da 25 anni che fornisce informazioni agli executive delle maggiori multinazionali mondiali, in modo che possano prendere le giuste decisioni sulle tecnologie da adottare e sugli investimenti. Nel suo nuovo report ‘Hot Tech Innovators’ (https://www.abiresearch.com/whitepapers/Hot-Tech-Innovators/) sono state selezione le 113 aziende high tech più innovative, che hanno in comune alcune tratti caratteristici: sono giovani, aggressive, agili, con tecnologie che riempiono un gap evidente e sono sul punto di breakout esplosivo…
Alleantia, con la sua “creatura” XPANGO, trasforma qualsiasi strumento elettronico in un dispositivo intelligente e connesso (‘Internet -Ready’) in pochi secondi, permettendo alle aziende di integrare senza difficoltà qualsiasi dispositivo nella loro Internet of Things e alle loro applicazioni e processi. I prodotti di Alleantia includono Smart-Gate, il più potente IoT Gateway sul mercato, la ‘Library of Things’, la più grande libreria di plugin per 2600+ dispositivi industriali, e la Cloud-Gate, la piattaforma per integrare tutti i dispositivi di un’azienda con applicazioni ERP, Logistica, CRM e con il Web. Le soluzioni Alleantia sono già installate in più di 150 siti di oltre 40 clienti industriali, nazionali e multinazionali.
“Siamo onorati di essere tra queste stelle internazionali, fra le pochissime aziende italiane selezionate” afferma Antonio Conati Barbaro, co-fondatore, Presidente e CEO di Alleantia “Questo riconoscimento internazionale del valore innovativo della nostra tecnologia e soluzioni ci rende assolutamente entusiasti nel proseguire il nostro percorso di avanguardia nella Internet of Things”.

Continua a leggere
[addtoany]

Startup: bandi in scadenza da non perdere

Segnaliamo alcuni bandi per startup, vicini alla scadenza, di cui approfittare. Finanziamenti, premi legati a concorsi e competizioni varie, con un occhio anche al sociale. Se cercate risorse per sviluppare il vostro progetto d’impresa, non fateveli scappare.
E’ stata presentata la nuova edizione del Business Exchange and Student Training, il programma rivolto a giovani ricercatori, economisti, laureati under 35 che vogliano creare una start-up innovativa o che abbiano già un’azienda avviata. In palio ci sono borse di studio del valore di circa 41mila dollari. I vincitori potranno frequentare un corso di imprenditoria presso la Silicon Valley, e un tirocinio di 5 mesi in una start-up Usa. Al ritorno, i ricercatori affiancheranno imprenditori italiani per creare la propria start-up in Italia. Per partecipare bisogna avere un’idea brillante nei settori Ict, Biotech, Tools and Machinery, all’Energy and Green Technology, e ancora arte, design e moda. C’è tempo fino al 27 marzo per iscriversi.
Groupama Assicurazioni propone la 1° Edizione di Think4south, un bando rivolto a nuove start-up e giovani tra i 18 e i 35 anni del sud, in particolare Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Scade il 15 maggio.
Unicredit Start Lab, invece, è alla seconda edizione. Si tratta di un programma di accelerazione per le start-up ad alto tasso tecnologico con non più di tre anni di vita nei settori life science, energia pulita, Ict/web/digitale e made in Italy innovativo. Scade il 30 aprile.
E poi GoBeyond, ideato da SisalPay. In questo caso, i progetti possono essere caricati fino al 15 aprile. Il vincitore si saprà a giugno e si aggiudicherà un premio da 50mila euro, oltre che la possibilità di usufruire, nei primi sei mesi, del supporto e della consulenza di una fitta rete di imprese che contribuirà ad implementare il suo progetto.
Il 30 aprile scadrà il bando più “sociale”, il Think for Social, che è promosso da Fondazione Vodafone Italia e premia le migliori innovazioni tecnologiche finalizzate allo sviluppo sociale del territorio. E’ realizzato in collaborazione con PoliHub, l’incubatore del Politecnico di Milano. I progetti dovranno riguardare i seguenti ambiti: salute e benessere, cultura e istruzione, agricoltura, alimentazione e ambiente.
Da ricordare, infine, Smart&Start, il bando nato su iniziativa del Mise, che che non scade, ma se ne può approfittare solo fino ad esaurimento fondi: 200 milioni di euro. Riguarda tutto il territorio nazionale. A poterne beneficiare sono le  “startup innovative” (ovvero quelle inserite nella sezione speciale del registro delle imprese della Camera di Commercio), con progetti d’impresa che prevedano spese, tra investimenti e gestione, comprese tra 100 mila e 1,5 milioni di euro.

Continua a leggere
[addtoany]

Interessante evento sul digital mobile marketing a Roma

Domani, 24 febbraio, alle 11.30, presso il Mercure Hotel Rome West (Roma-zona Eur), Genesis Mobile organizza una Tavola Rotonda dal titolo: “Mobile Marketing: la partita si fa seria!”, nell’ambito del meeting “A new Story to Tell” in cui saranno presentate le nuove piattaforme aziendali.
All’incontro parteciperanno come relatori: Marta Valsecchi, responsabile della ricerca dell‘ Osservatorio Mobile Marketing & Service del Politecnico di Milano, Walter Fucecchi, responsabile nazionale sevizi e innovazione Confesercenti; Francesco Nicodemo, componente dello staff della Presidenza del Consiglio dei Ministri; Roberto Calculli, Ceo Digital Box; Antonio D’Aniello, presidente Genesis Mobile. Modererà l’incontro la giornalista esperta d’impresa e innovazione Diletta Capissi.
Saranno poste al centro dell’attenzione alcune best practices imprenditoriali che hanno utilizzato nuovi servizi di Mobile e Marketing Communication. L’analisi di scenario che deriva dai dati dell’Osservatorio Mobile Marketing & Service del Politecnico di Milano costituirà una base di dibattito ed approfondimento tra esperti, giornalisti, stakeholders, istituzioni, imprenditori ed esercenti sui nuovi orizzonti tecnologici e di service che il mobile marketing potrà raggiungere.

Continua a leggere
[addtoany]

Fondo di garanzia del Mise: credito bancario a portata di startup

Le startup bussano alla porta delle banche. E sempre più spesso ottengono ciò di cui hanno bisogno per crescere: credito. Che non è solo denaro, ma lo è nel caso specifico. Grazie al fondo di garanzia del Ministero dello Sviluppo Economico, infatti, le imprese innovative hanno ottenuto finanziamenti per 128 milioni di euro. Questo in appena 5 mesi dall’estensione del fondo nel 2014, che in precedenza riguardava solo le pmi.
La cifra suddetta supera gli investimenti in capitale di Venture capital e Business Angel. Dunque un’altra via è diventata possibile. Il cambio di passo è avvenuto l’anno scorso, quando la decisione di estendere il fondo alle nuove aziende hi-tech ha avuto l’immediata conseguenza di ridurre i margini di rischio per gli istituti di credito, che anche nell’eventualità di insolvenza dei neo-imprenditori, sono coperti per l’80% del finanziamento.
L’aumentata “generosità” delle banche ha innescato un circolo virtuoso che ha determinato una forte crescita del numero di aziende innovative, le quali fanno sempre tanta fatica in Italia a conquistare investitori istituzionali, come business angel o family office, e a farli entrare nel capitale sociale, per cui la facilità di accesso al credito può risultare determinante per portare avanti il progetto. E’ partita così la corsa all’indebitamento, nonostante l’obbligo di restituire il finanziamento a rate, comprensive di interessi.
Uno sei pochi istituti che dal 2008 contempla interventi diretti nel capitale delle startup più interessanti è Banca Intesa. E a tal fine ha creato un vero sistema di fondi di Venture Capital: Atlante Ventures, Atlante Ventures Mezzogiorno e Atlante Seed. Dunque, al momento, non ci sono molte alternative, e qualsiasi provvedimento faciliti l’accesso al credito rappresenta ossigeno puro per un mondo che è in grande fermento e rappresenta una speranza concreta per lo sviluppo del Paese.

Continua a leggere
[addtoany]

GoBimbo, ecco l’app che aiuta le mamme a vivere la città

Un’app amica delle mamme. Che di amiche hanno bisogno. Si chiama GoBimbo e aiuta a trovare ogni giorno eventi e attività a Milano, e a breve in altre città, cui partecipare con i propri bambini.
L’idea nasce dall’esigenza di una mamma che, non avendo abbastanza tempo per informarsi sulle varie iniziative cittadine, ha immaginato e realizzato un servizio che le filtrasse le informazioni quando e dove ne avesse necessità.
Gobimbo funziona proprio così. S’inserisce l’età del bambino e il sistema identifica in automatico l’orario e la propria posizione, rivelando tutte le proposte nelle vicinanze, adatte all’età indicata. I risultati vengono visualizzati sia su mappa sia elencati in categorie con relativa indicazione della distanza. E, se serve, c’è anche il navigatore che mostra la strada.
L’applicazione consente di selezionare le proposte secondo le proprie esigenze (solo attività al coperto se fuori piove, solo attività gratuite, solo alcune categorie di attività – teatro, laboratori, musica, musei, lingue, natura, ecc.). Si può inoltre modificare la data o l’ora per vedere le proposte del giorno successivo, della settimana dopo o del weekend. Insomma, questa app è qualcosa di meno, ma anche qualcosa di più di un’amica molto informata…
Da ricordare, infine, che è gratuita e disponibile per Android e iPhone. Al momento il servizio è attivo solo a Milano. Ma presto lo sarà in altre città. Per ulteriori informazioni c’è il sito: www.gobimbo.it.

Continua a leggere
[addtoany]

Arriva Seeds&Chips, il salone internazionale dedicato all’innovazione digitale nel food

Ci siamo quasi. E’in programma dal 26 al 29 marzo a Milano Seeds&Chips, il primo evento fieristico internazionale dedicato alle aziende e startup digitali che operano nel settore del food. La manifestazione si svolgerà presso MiCo Centro Congressi, con il patrocinio di Expo 2015.
L’appuntamento propone un ricco programma di conferenze che porranno l’attenzione sui cambiamenti e le innovazioni che stanno interessando i metodi di produzione e trasformazione degli alimenti, così come i canali distributivi, e modificando le abitudini di consumo, oltre che i modi e i mezzi attraverso cui il cibo viene raccontato e promosso.
I primi due giorni saranno riservati esclusivamente agli addetti ai lavori (operatori del settore, media, investitori, organizzazioni), mentre i successivi (28 e 29) saranno aperti al pubblico. A due mesi da Expo 2015, sarà a tutti gli effetti un’anticipazione e un’occasione di visibilità ulteriore per soluzioni tecnologiche che stanno rivoluzionando interi processi e settori. E, in alcuni casi, rappresentano passi avanti fondamentali nel cammino verso sostenibilità ambientale, lotta agli sprechi, tracciabilità totale di filiera e sicurezza alimentare. Quando non costituiscono l’unica speranza per la sopravvivenza e lo sviluppo di micro imprese locali di produzione, vendita e somministrazione.
Al Seeds&Chips sarà riservato un grande spazio alle startup. È proprio da queste nuove realtà che sta arrivando la maggior parte dell’innovazione, in quello che molti definiscono un Rinascimento Digitale nel cibo o New Food Economy. Per questa ragione, all’interno dello spazio espositivo, saranno allestite le Seeding Box, spazi dove giovani innovatori e startup potranno incontrare grandi aziende e potenziali investitori per presentare le proprie idee e realizzazioni. Due i programmi: “Seeds call Chips”, quando è la startup a cercare l’incontro, e “Chips call Seeds”, quando sono grandi aziende e investitori ad andare a caccia di innovazioni che possano innovare determinati modelli di business.

Continua a leggere