Blog

Home/Notizie/Agricoltura tecnologica in Maremma, a caccia di idee

Agricoltura tecnologica in Maremma, a caccia di idee

Si chiama AG TECH Call4Ideas 2017 ed è il primo concorso di idee dedicato all’agricoltura tecnologica. L’obiettivo è fornire un sostegno alle migliori startup del settore, così che si affaccino sul mercato e portino freschezza e novità al mondo agricolo. A lanciare la call sono il Polo tecnologico di Navacchio, Coldiretti Grosseto e BeeCo Farm, l’incubatore maremmano di aziende specializzato nell’agricoltura.

La call si chiude il 26 settembre. Per partecipare è necessario compilare un form e inviare una proposta. Il principale requisito richiesto è l’innovazione, per poter trasformare l’agricoltura maremmana e magari portarla ai vertici dell’agroinnovazione italiana. Il settore presenta infatti, a oggi, diversi problemi tra cui: l’asimmetria tra domanda e offerta, la sofisticazione dei bisogni, l’emergenza legata alle risorse, la necessità di una maggiore consapevolezza da parte del consumatore e di una rivoluzione digitale. Secondo l’Agfundernews.com in Italia gli investimenti in agricoltura digitale sono vicini allo zero e le startup di settore sono solo 31.  Nel mercato europeo invece gli investimenti per il 2017 sono pari a 4 miliardi.

Che cosa cercano i promotori

In primis idee e persone vincenti per dare una scossa all’agricoltura. Nello specifico c’è bisogno di:

  • droni
  • minor consumo di acqua
  • macchinari e attrezzature all’avanguardia
  • investimenti in agrifood
  • nutriprotezione
  • colture protette

agricoltura tecnologica

Una volta chiusa la call, gli enti promotori valuteranno le idee pervenute e si impegneranno a far crescere i progetti attraverso un metodo. In particolare, i criteri con cui le idee saranno validate sono: formazione, networking e strumenti.

Il premio

In palio per le 3 migliori idee vi sono un percorso di accelerazione di 4 mesi in Maremma, per poter concretizzare i progetti e un finanziamento di 20mila + 30mila euro in servizi, affinché i neo-imprenditori possano validare la loro idea, il loro modello di business e il prodotto. Il percorso è molto significativo, poiché porterà le startup a lavorare a stretto contatto con grandi aziende e con potenziali investitori che le accompagneranno fino al lancio sul mercato. Inoltre avranno a disposizione mentor e tutor che le guideranno in ogni fase.

Il 21 e il 22 novembre nella sede della Coldiretti di Grosseto si terrà anche l’AG Tech Summit, la cerimonia di assegnazione dei Grant ai 3 vincitori. Saranno due giornate di eventi, workshop e speech dove ovviamente il filo conduttore sarà l’innovazione.

piante agricoltura tecnologica

La Maremma si fa così promotrice della trasformazione agricola, dell’innovazione e del cambiamento verso l’agricoltura tecnologica e prova a disegnare un futuro diverso, fatto di opportunità per i giovani del territorio (ma non solo), di valorizzazione dello stesso territorio, di nuovi progetti d’impresa, di nuove economie e modelli educativi.

Per chi volesse avere maggiori informazioni alla Coldiretti di Grosseto c’è anche uno sportello a disposizione ogni giovedì. Per approfondire è possibile infine visitare il sito di BeeCoFarm.

 

 

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet